AMICI DEL VILLAGGIO CRESPI è un punto d'incontro per gli affezionati di Crespi,
per chi vuol concorrere
a tutelare questa straordinaria utopia urbanistica...

Cosa
significa
essere Patrimonio Mondiale Unesco?


TUTELA E SALVAGUARDIA
CONOSCENZA E APPROFONDIMENTI
ATTUALITA' E DOCUMENTAZIONE
SUPPORTO ORGANIZZATIVO

  scarica
il nostro
informativo
(pdf)




Elezioni Comunali a Capriate:
la "produzione culturale" è il futuro
della fabbrica di Crespi

giugno 2007 - Si apre un nuovo quinquennio per Capriate San Gervasio (di cui Crespi è frazione) dopo le elezioni tenutesi a fine maggio. La nostra campagna di sensibilizzazione sulle difficoltà che da anni Crespi vive ha dato i suoi frutti: tutte le liste si sono presentate agli elettori sottolineando nei loro programmi elettorali l'importanza di intervenire a favore del Villaggio.
 


Cristiano Esposito (al centro), riconfermato sindaco di Capriate San Gervasio (di cui Crespi d'Adda è frazione) insieme ai colleghi di giunta dei prossimi cinque anni.
L'urgenza di intervenire a favore del Villaggio e della sua fabbrica è riconosciuta. Esaurita la campagna elettorale e concluse le votazioni, è il momento di mettere in atto tutte le possibili strategie di valorizzazione di Crespi, confidando in una costruttiva dialettica tra i consiglieri delle differenti liste che saranno protagonisti nei prossimi cinque anni. Nella carica di sindaco è stato riconfermato Cristiano Esposito. La giunta comunale è figlia di quella uscente, ma con una fondamentale e positiva differenza. La maggioranza precedente aveva vissuto al suo interno forti contrasti, che portarono sull'orlo di una crisi consiliare e che inficiarono la rappresentatività democratica del consiglio stesso. Oggi invece la maggioranza di Esposito riparte con un amplissimo consenso riscosso nelle ultime votazioni, e quindi un via libera per ben governare nei prossimi cinque anni.

Di seguito gli indirizzi che la nuova amministrazione intende seguire per il futuro di Crespi d'Adda:

DAL RAPPORTO DI FINE MANDATO:

Punto centrale del PRG, la valorizzazione della destinazione urbanistica del complesso produttivo di Crespi d'Adda (la fabbrica ha chiuso a fine 2003, ndr) persa la produzione industriale si è puntato fortemente sulla "produzione culturale" attraverso il possibile insediamento di poli scolastici di livello universitario, poli tecnologici e di ricerca.

DAL PROGRAMMA ELETTORALE:

E' nostro preciso impegno e intenzione continuare il lavoro, che già abbiamo avviato, di riqualificazione e rinnovamento del Villaggio nel rispetto e conservazione delle caratteristiche storiche e sociali. Riteniamo fondamentale un rapporto aperto con la popolazione e, come già fatto, continueremo a coinvolgerla condividendo le scelte e gli interventi da effettuare mediante incontri pubblici. Attraverso un concorso internazionale di idee, chiederemo il supporto degli esperti più prestigiosi per studiare e definire gli indirizzi di progettazione dei nuovi accessori di pertinenza delle abitazioni del Villaggio.

Fra gli interventi già progettati e finanziati:
- la realizzazione del nuovo sagrato, della scalinata che accompagna alla chiesa parrocchiale piazza Bagnarelli e lavatoio
- la riqualificazione del marciapiede di Corso Manzoni fino a Viale Vittorio Emanuele II
- la ristrutturazione della scalinata e dell'area di ingresso delle ex-scuole asilo STI

Fra gli interventi in programma:
- il completamento del nuovo impianto di pubblica illuminazione
- la riqualificazione dell'area "circuiti"
la sistemazione dei locali adiacenti alla "Sala Magli": gli spazi, adeguatamente attrezzati, saranno un luogo d'incontro prezioso a disposizione dei Crespesi
- la riqualificazione del cimitero

Favoriti dalla rete di rapporti che siamo riusciti a intessere nel corso di questa amministrazione, è nostra intenzione aprire un Tavolo di Lavoro coinvolgendo i principali enti e istituzioni a livello locale, provinciale, regionale e nazionale, per affrontare a 360° la complessa realtà del Villaggio, le prospettive future e condividere un programma di conservazione e valorizzazione-promozione del patrimonio storico sociale e architettonico.

Fabbrica
Cercheremo con insistenza una soluzione che consenta il giusto equilibrio fra interessi privati (proprietà) o degli operatori che decidono di investire e il prioritario interesse pubblico dell'abitato limitrofo avendo sempre come unico obiettivo la salvaguardia del valore storico e culturale del Villaggio. L'insediamento di un polo scolastico di alto profilo culturale /tipo campus universitario) sarebbe una tra le destinazioni più auspicabili.

Dedicheremo tempo e attenzione alla valutazione di ogni nuova proposta di intervento, consapevoli e orgogliosi dell'enorme valore storico, sociale e culturale del Villaggio.